Il Batistero di Pisa

Il Batistero di Pisa

Il Batistero di Pisa , la costruzione dell’edificio fu iniziata a metà del XII secolo (1153 nel calendario pisano corrisponde al 1152) . Sostituisce un precedente battistero, più piccolo, che si trovava a nord-est della Cattedrale, dove ora si trova il Camposanto. Fu costruito in stile Romanico da un architetto che si firma “Diotisalvi magister…” in un pilastro all’interno dell’edificio. In seguito furono capomastri del cantiere anche Nicola e Giovanni Pisano, e Cellino di Nese.

Presenta una curiosa cupola troncoconica, come quella della chiesa dei Ospitalieri a Pisa, sempre dello stesso architetto, che copre solo il giro interno di pilastri (la tecnica costruttiva per una cupola emisferica o poligonale di grandi dimensioni era all’epoca quasi ignota). Il progetto di Diotisalvi voleva essere quello di citare architettonicamente sia la Moschea della Roccia (all’epoca ritenuta costruita sulle rovine del Tempio di Salomone) nella parte esterna, sia l’Anastasis della Basilica del Santo Sepolcro nella parte interna, entrambi a Gerusalemme. Successivamente i lavori furono proseguiti da Nicola e Giovanni Pisano che modificarono il Battistero in stile Gotico con la loggia e la cupola emisferica che nasconde quella piramidale.

La cupolina sulla sommità con la statua di San Giovanni Battista furono messi solo molto più tardi. Il Battistero originariamente aveva un’apertura sul soffitto attraverso la quale entrava la luce illuminando il fonte battesimale. In altri battisteri più antichi tale apertura serviva per riempire tale fonte con l’acqua piovana, ma non è il caso di Pisa dove il fonte non presenta canali di scolo: all’epoca i battesimi venivano già effettuati in maniera simile all’attuale attraverso piccole vasche poste lungo il bordo del fonte il quale era, quindi, puramente simbolico.

È il più grande battistero in Italia: la sua circonferenza misura 107,24 m, mentre la larghezza della muratura alla base è due metri e 63 cm, per un’altezza di 54 metri e 86 centimetri. La cupola è coperta da tegoli rossi verso il mare e da lastre di piombo verso levante. Probabilmente la causa della differenza nella copertura è da trovarsi nella mancanza di denaro, così come nell’assenza di affreschi nel soffitto che tuttavia erano stati pianificati originariamente.

Il portale, dirimpetto alla facciata del Duomo, è affiancato da due colonne di spoglio. L’architrave e suddiviso in due livelli, l’inferiore riporta episodi della vita del Battista, il superiore mostra Cristo fra la Madonna e il Battista tra angeli ed evangelisti. Ai lati del portale due lesene recano il ciclo dei mesi
Il Battistero è, come molti altri edifici di Pisa, leggermente inclinato: la pendenza verte verso est in direzione della Cattedrale.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy