Colloquio di lavoro

Colloquio di lavoro, la via di ingresso al Mondo del lavoro

Colloquio di lavoro è un incontro tra un candidato e un datore di lavoro per ricoprire una posizione specifica in un’azienda.
Nel mondo anglosassone, questa si chiama intervista.

In questa occasione di colloquio di lavoro non basta “raccontare” le competenze acquisite durante gli studi o l’esperienza professionale, ma è importante che lo facciate in modo corretto, efficace ed espressamente energia e interesse per l’azienda e la posizione Essere riempito. per cui siamo candidati.
Un colloquio di lavoro personale dura solitamente dai 20 ai 35 minuti, in cui si possono distinguere tre fasi: apertura, direzione e chiusura.
Ovviamente, per affrontare con successo un colloquio di selezione, è fondamentale prestare attenzione anche alla fase di preparazione, che può incidere sull’esito.

I datori di lavoro spesso chiedono ai candidati di presentarsi liberamente, di parlare di sé.
Per il colloquio di lavoro può essere utile preparare e praticare un discorso introduttivo in cui parlerai di te stesso, della tua formazione e della tua esperienza professionale.

Prima del colloquio di lavoro, dovresti imparare il più possibile sull’azienda e venire al colloquio con ciò che devi dire, senza perderti in dettagli non importanti o omettere informazioni importanti.
È bene evitare di parlare di preferenze e abitudini personali se non espressamente richiesto.
Tra le domande, ti viene spesso chiesto di indicare i tuoi punti di forza e di debolezza.
Non aver paura di ammettere la tua debolezza. Possono anche diventare risorse inaspettate.
La sincerità è sempre apprezzata. Se cambi lavoro, puoi evidenziare la tua voglia di intraprendere una nuova strada.
Non parlare mai male del tuo ex datore di lavoro e non lamentarti mai del lavoro che intendi lasciare.

A un certo punto del colloquio di lavoro i datori di lavoro chiederanno: perché vuoi lavorare qui? E perché dovremmo scegliere lei?
Le risposte alla prima domanda rivelano in che misura il candidato registra le attività aziendali.
È meglio non enfatizzare gli aspetti economici ed evitare di dire che il motivo per cui si vuole essere assunti è un buon stipendio.
È importante tenere presente che i contesti e le modalità di lavoro sono diversi tra le aziende e ai datori di lavoro viene chiesto di capire se il candidato che ha di fronte può adattarsi al meglio a quella che sarà la squadra futura o la nuova posizione. La risposta perfetta, anche in questo caso, non esiste.

I migliori modi di porsi per affrontare a meglio un buon colloquio di lavoro

Durante il colloquio di lavoro può, però, rivelarsi utile scegliere uno di questi approcci:

  • Approccio multicentrico: enfatizzare sia i vantaggi che porterà all’azienda sia i benefici che derivano dal lavorare in azienda.
  • Approccio esperto: può distinguerti da altri candidati con profili molto simili. Oltre alle proprie competenze, possono evidenziare un interesse per il settore in cui l’azienda opera e per le opportunità che offre.
  • Approccio Problem Solver: se stai affrontando un colloquio per una posizione dirigenziale, l’azienda potrebbe essere alla ricerca di qualcuno in grado di risolvere potenziali problemi o ora disponibile. In questo caso, dovresti evidenziare la tua capacità di pensare dal tuo punto di vista, concentrandoti sulle possibili sfide che l’azienda potrebbe affrontare in futuro.

Forse per qualche motivo ti rendi conto che non vuoi più un certo lavoro: va bene, prendilo subito, senza tempo e senza sprechi.
È importante ringraziarla per l’opportunità offerta in modo cortese e professionale e forse come slancio per il repentino “cambio di rotta”.

Cosa cerca il selezionatore in un candidato in un colloquio di lavoro

In sostanza, i reclutatori cercano candidati per:
Motivazione
– Le domande del colloquio per indagare sulla tua motivazione al lavoro saranno specifiche per genere:
“Perché vuoi questo lavoro?”,
“Perché vuoi lavorare per questa azienda?”,
“Cosa ti ha fatto cambiare lavoro? “.
Dedizione – In questo caso, il datore di lavoro cercherà di scoprire le qualità del candidato ponendo domande del tipo:
“Sei dedicato al tuo lavoro con passione?”,
Qual è secondo te la cosa più importante sul lavoro?”
Sentimenti – Successivamente cercheremo di capire come interagisci con gli altri:
“È facile adattarsi?”,
“Sei abituato a lavorare? Lavoro di squadra?”
Risultato – Infine, ti verrà chiesto di riferire su cosa hai fatto finora dal punto di vista tecnico:
“Quali obiettivi hai raggiunto finora?”,
“Qual è secondo te la sfida più difficile che hai affrontato? al lavoro? ”
” Come hai fatto? “.

Partendo dalla risposta a queste domande da colloquio tipiche si può costruire un’efficace tattica per affrontare ogni job interview.

Una delle domande più frequenti nei colloqui di lavoro è: “Dove ti vedi tra 5 anni?“.
L’esaminatore gli dice di cercare di scoprire se il candidato è veramente interessato alla posizione o se per lui è l’ultima risorsa.
Se esprime il desiderio di entrare in azienda o se ha altri progetti e può andarsene subito dopo. Cerca anche di capire il tuo potenziale di crescita.
Occorre un po’ di ambizione, ma non esagerata. È importante chiarire che non vuoi limitarti a fare “compiti a casa” nei prossimi anni, ma vuoi crescere professionalmente e assumerti nuove responsabilità contribuendo attivamente allo sviluppo della tua carriera.
Per fare bella figura è necessario dimostrare disponibilità, iniziare per tempo e soprattutto dare l’impressione di interessarsi all’azienda e di crescere professionalmente.
Da evitare “non so”, “forse” e “mah”: (danno sempre un’immagine negativa di incertezza e ambiguità).
Evitare anche l’eccessiva riservatezza e arroganza con risposte in cui le persone si immaginano a capo dell’azienda o peggio ancora nella posizione di intervistatore.
Silenzio ma frasi come “Non ci ho mai pensato” o “Non dipende da me” non fanno mai una buona impressione.
È chiaro che non si deve deviare quando si tratta di obiettivi che non rientrano strettamente nel campo di attività.

Il Colloquio di lavoro online e la video intervista

Al giorno d’oggi, il colloquio di lavoro pouò svolgersi anche al telefono o tramite Skype (o altro software simile).
Nel primo caso, il colloquio, della durata compresa tra 20 e 30 minuti, è stato utilizzato dall’azienda per effettuare la classificazione iniziale delle domande pervenute, ma potrebbe essere utilizzato anche come strumento di selezione a distanza.
Spesso consigliato per selezioni di lavoro all’estero, anche il colloquio telefonico molto spesso coincide con la seconda fase di selezione, che avviene dopo la fase iniziale di riesame del curriculum.
Il colloquio di lavoro apparentemente informale può farlo sembrare meno importante, ma non va dimenticato che, in una conversazione telefonica, le prime impressioni sono decisive.
Quindi, per prima cosa, rispondi al telefono in modo educato e professionale, mantenendo la tua voce appropriata.
Attenzione a non parlare troppo in fretta, per le pause e le pause, ma anche per i borbottii, e per gli spazi come “um”, “it”, ecc.
Al termine della chiamata, dovresti chiedere al datore di lavoro i tempi e le fasi successive del processo di selezione.
Se non capisci subito quale azienda sta chiamando e perché dovresti chiedere ulteriori spiegazioni.
Nessuna risposta del tipo: “Scusa, non ricordo… sai, ho fatto domanda per molti annunci…”.
Una telefonata potrebbe sorprenderti, ringraziarti e rimandare l’intervista ad un’altra ora del giorno.

La video intervista – tramite App tipo Skype – è uno strumento di selezione del personale sempre più diffuso tra i recruiter.
Tra i vantaggi di questo strumento sono da evidenziare la riduzione dei tempi e delle distanze dell’iter di selezione.

Il colloquio di lavoro video può migliorare l’iter selettivo perché il selezionatore ha la possibilità d’incontrare virtualmente i candidati, paragonarli e identificare i più qualificati per la ricerca in corso, basandosi non solo sui loro curriculum vitae e lettera di presentazione relativa, ma anche valutando l’interazione e le risposte date durante l’intervista.

La video intervista non sostituisce il tradizionale colloquio faccia a faccia, ma è uno strumento che consente al selezionatore di concentrarsi maggiormente sui candidati che rispondono ai requisiti richiesti.

Finora questa soluzione di recruiting è stata utilizzata principalmente da aziende di medie e grandi dimensioni, prima di tutto perché devono gestire un grande volume di curricula, ma anche perché la tecnologia è flessibile e permette di trovare qualsiasi candidato.qualsiasi tipo di professionista dipendente. Il video di presentazione con le risposte ha una durata di pochi minuti e può essere inserito dalle Risorse Umane in diversi momenti del processo di selezione: per le aziende o le agenzie di collocamento può essere utile la prima selezione, utile quando ricevono più curricula, ma negli altri casi è possibile scegli di vedere prima tutti i CV, quindi invita un elenco curato di candidati a comparire con un video o a rispondere a domande specifiche.

D’altra parte, per i candidati, il colloquio di lavoro in video è una buona occasione per presentarsi e mostrare le proprie capacità oltre a mettere in evidenza le famose soft skill, oggi importanti anche come hard skill, ma che non possono essere determinate in modo semplice. programma educativo.

Alcuni consigli utili per affrontare un colloquio di lavoro:

  1. Arrivo al luogo notificato.
  2. Vieni al colloquio informato sull’azienda e sul ruolo per cui ti candidi, sulle persone che incontrerai e sul loro ruolo in azienda.
  3. Puntuali. Dovresti arrivare 5/10 minuti prima del colloquio per evitare di fare tardi.
  4. Vestirsi in modo appropriato. Scegli un outfit semplice e formale. Gli indumenti devono essere sempre puliti e piatti.
    Mentre non esiste un codice di abbigliamento universalmente valido (gli ambienti di lavoro variano) nei settori finanziario, assicurativo e legale, ad esempio, l’aspetto professionale è considerato parte delle abilità lavorative.
    Pertanto, è meglio seguire le regole dell’abito classico e formale piuttosto che progettare un abito scuro, con camicia e cravatta in tinta unita per gli uomini, e un abito tuta o giacca e pantaloni per le donne.
    Tuttavia, negli uffici a minor contatto con i clienti, detti uffici logistici, le regole sono meno rigide, quindi è gradito uno stile meno raffinato e più rilassato.
  5. Colori tenui e fantasie minimaliste si adattano ad ogni occasione. Non abusare del colore. Tre diverse tonalità sono più che sufficienti.
  6. Saper parlare. Prepararsi per essere sicuri e professionali è fondamentale.
  7. Se stai intervistando per telefono, dovresti scegliere un luogo tranquillo e silenzioso e assicurarti di avere abbastanza tempo.
  8. Se il colloquio è “online / via Skype”, è necessario predisporre l’ambiente in modo che sia ordinato, tranquillo e ben illuminato.
    Assicurati che gli strumenti (internet, audio, video) funzionino e ti presenti elegante come se stessi intervistando di persona.
  9. Se stai assistendo all’intervista da un dispositivo mobile, assicurati di tenere il dispositivo orizzontalmente e assicurati di averlo fissato su una superficie stabile e che la testa e le spalle siano centrate sulla telecamera.
    Se siete chiamati a un colloquio “collettivo”, il cui scopo è quello di valutare le capacità interpersonali e relazionali dei candidati, non dovete né allontanarvi né molestare gli altri.
    La relazione giusta. Con l’intervistatore, devi mantenere la calma, guardarlo negli occhi, ascoltare la domanda, parlare con calma e rispondere brevemente ma accuratamente.
  10. Mostra interesse per la posizione per cui ti stai candidando, anche con domande utili.
  11. Coerenza, chiarezza e curiosità, ma anche motivazione e positività.
    Cerca di essere coerente e di non contraddirti. La chiarezza è fondamentale. Curiosità significa motivazione, e quest’ultima deve essere formulata con attenzione.
  12. È inoltre opportuno mantenere un atteggiamento positivo quando si parla, non parlare male di ex colleghi e datori di lavoro.
  13. Inoltre, non abbandonare mai istintivamente un’altra offerta di lavoro se ti viene proposta dopo un colloquio: il datore di lavoro può già avere competenze o attitudini specifiche per una posizione. altro.
  14. Ricorda che lo screening è una strada a doppio senso, non dovresti sminuire il reclutatore o fare domande che possono aiutarti a capire se vuoi davvero lavorare per quella particolare azienda o posizione.

Una volta che il curriculum e la lettera di presentazione hanno spianato la strada a un colloquio di lavoro (o colloquio di gruppo) e sono finiti, non resta che attendere con calma il verdetto.
Tuttavia, ci sono alcuni indizi, al di là del linguaggio del corpo, che possono aiutarci a capire se l’intervista è andata bene.
Non è una regola, ma in generale, se un recruiter fa piacere a un candidato, starà più tempo con lui, chiacchierando e rispondendo alle loro domande, spiegandoci l’azienda, il tipo di posizione, le responsabilità…
Quindi Se il colloquio di lavoro è durato più del previsto probabilmente è andato bene, anche perché nessuno vuole perdere troppo tempo se il candidato non è interessato.
Quindi, se il datore di lavoro parla dei piani futuri dell’azienda o introduce una parte della squadra, questo può essere un buon segno.

Al termine del colloquio di lavoro, chiedere al datore di lavoro la scadenza per la selezione dei candidati.
Potrebbero essere pochi giorni, ma potrebbe essere anche un’intera settimana. Devi essere pieno di risorse e considerare il monitoraggio e il controllo della posizione una strategia essenziale nella tua nuova ricerca di lavoro.
È emersa tra gli altri candidati un tempestivo e puntuale seguito e una favorevole capacità.
Anche se non trovi il lavoro, non devi rompere nessun rapporto: il dialogo, infatti, può creare connessioni e alimentarne di nuove.

Una lettera di ringraziamento, in quanto rara e quindi di grande impatto, può essere la soluzione più semplice e intelligente per lasciare un bel ricordo di te in azienda.
Attenzione, però, a non copiare e incollare messaggi o frasi efficaci.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy